Etna in Blues Festival 2016

Schermata 2016-09-10 a 11.38.40 AM
L’Etna in Blues Festival 2016 di Mascalucia si riconferma come una jam session di notevole valore artistico
L’Etna in Blues Festival 2016 di Mascalucia si riconferma come una jam session di notevole valore artistico

Mascalucia 7 settembre 2016. Grande afflusso di pubblico durante le serate della 12esima edizione dell’Etna in Blues Festival di Mascalucia (Ct) il 3 e il 4 settembre scorsi, in cui, sul prestigioso palco del Parco Trinità Manenti,  la protagonista indiscussa è stata ancora una volta la musica afroamericana, e non solo.
“Il Festival si è riconfermato come un evento culturale di grande spessore,- ha dichiarato soddisfatto il direttore artistico dell’Etna in Blues, Corrado Zappalà- un appuntamento al quale non sono mancati gli appassionati di blues, ma in cui è stata registrata anche una significativa presenza di giovani spettatori”.
A condurre la manifestazione, patrocinata dal Comune di Mascalucia e dall’Assessorato  al Turismo e Spettacolo della Regione Sicilia, lo speacker radiofonico Fabio Zappalà che ha inaugurato la prima serata, invitando sul palco il sindaco della cittadina etnea, Giovanni Leonardi, e l’Assessore al Turismo della Regione Sicilia, Anthony Barbagallo. Tra i presenti: il Vicesindaco e Assessore al Turismo del Comune di Mascalucia, Fabio Cantarella.
“L’Etna in Blues Festival è un iniziativa molto importante- ha dichiarato l’Assessore  Barbagallo- in quanto è un momento di crescita culturale, una fonte di attrazione per il turismo e un’occasione di sviluppo economico per l’intero territorio”.
Ospiti d’eccezione della seconda serata, gli X-JAM & “Singin' The DIVAS”: Luca Giometti (batteria e percussioni), Antonello “Tony” Solinas (basso), Andy Paoli (chitarra) e le vocalist Deviana P. e Nadyn Rush  che, con le loro voci graffianti e sensuali, hanno interpretato le più grandi canzoni della storia della black music al femminile dagli anni ’60 ad oggi. “Il nostro è un tributo alla musica - ha voluto precisare Deviana P-  le ‘Divas’ non siamo noi che cantiamo, sono le canzoni che interpretiamo”. Travolgenti, le due artiste hanno incantato gli spettatori che si sono scatenati sul parterre al ritmo di  “Twenty Nine Ways” di Koko Taylor; "Piece of my heart" di Janis Joplin;  “Natural Woman”, di Aretha Franklin.
Ricco il repertorio che ben 50 artisti, provenienti da tutta la Sicilia e selezionati durante il concorso On the Road dall’Etna in Blues, hanno proposto attraverso cover e brani inediti.
A calcare il palco per primi: i Beija Flor, gruppo catanese portavoce di una musica che trae ispirazione dalla storia e dalla cultura siciliane. La kermesse ha segnato il debutto per gli Erman Ezscò & Blue Rain, nati dalla fusione
di Ermanno Figura, bluesband siciliano che ha collaborato con artisti di fama nazionale ed internazionale, e degli Acoustic Sound, gruppo catanese noto per i live show su tutta l’isola. Sonorità blues, rock grunge e psichedelico hanno contrassegnato il repertorio dei The Great Corporation, mentre l’anima del blues, la grinta e l’energia del rock hanno caratterizzato l’esibizione dei Blues Essence e la voce calda della vocalist Paola4.
Rock blues di grande impatto per i Van Kery che questa estate hanno partecipato ad "Obiettivo BluesIn", selezioni per il Pistoia blues e sono arrivati alla finalissima nazionale come una delle migliori 18 band sulle 700 partecipanti.
Il 4 settembre è stata la volta dei Red Light, trascinante gruppo palermitano con un sound intriso di blues moderno e di rock ‘n’ roll; notevole consenso di pubblico per la giovanissima Roberta Finocchiaro (voce e chitarra), classe 1993, che con la sua Band ha colto l’occasione per presentare il loro primo Album “Foglie di Carta”, in uscita a fine settembre. Repertorio
 blues e rock blues, per Grace e i 4 in blues  che ha al suo attivo molteplici esibizioni in manifestazioni di piazza ed è accreditata tra le band più presenti nei locali di live music catanesi. Soul, blues, rhythm & blues e funk per i Chimney Sweepers, capitanati dall’anima jazz e dal sound afroamericano della vocalist  Monia Ingaglio.
All’interno dell’evento è stata presente un’area espositiva di artigianato locale e Amnesty International di Catania, rappresentata dall’Avvocato Antonella Petrosino, portavoce locale dell’associazione che si batte per garantire la libertà e i diritti di tutti gli esseri umani.

_MG_9074