MANTOVA SI FA BELLA PER IL GRANDE EVENTO MONDIALE DEL MXGP

Schermata 2015-07-04 a 12.08.10 PM
Dopo quattordici prove del mondiale 2015, l’attenzione si sposterà sull’evento che più preme all’Italia: il GP della Lombardia

Il Mondiale di Motocross è atteso, infatti, dopo cinque anni di assenza, al Tazio Nuvolari di Mantova, dove sabato 22 e domenica 23 agosto il FIM Motocross World Championship arriverà con la rappresentazione più attesa, quella che potrebbe offrire indicazioni molto precise sui probabili campioni di categoria del massimo campionato iridato. La quindicesima di diciotto Gran Premi della stagione, torna nella città dei Gonzaga, ricordando ancora la bellissima vittoria del forte pilota siciliano Tony Cairoli dell’edizione 2010. Non si trattò di una vittoria qualunque, poiché, oltre a valergli il primo gradino del podio nella classifica assoluta e quindi del Gran Premio della Lombardia, fu anche la prima vittoria nella storia del Mondiale di Motocross conquistata con una 350 cc. Oggi, a distanza di cinque anni, l’azzurro otto volte iridato è tornato alla 450cc e, difatti, dal GP spagnolo dello scorso 10 maggio al posto della fida 350 con cui ha dominato negli ultimi anni, ha deciso di salire di cilindrata come nel 2009, quando conquistò il terzo titolo mondiale. Ad un lustro dall’ultimo Gran Premio, Mantova torna nel giro mondiale e lo farà in grande stile, presentando alcune sostanziali novità strutturali e logistiche che permetterà agli organizzatori di accogliere al meglio il pubblico. Interessanti novità riguarderanno anche alcuni tratti della pista. Saranno tre giorni molto animati, a partire già dal venerdì, con il paddock gremito a caccia di autografi, gadget e una foto con il pilota preferito. 

Schermata 2015-07-04 a 12.11.57 PM I Protagonisti della MXGP

Nonostante le indicazioni della classifica, non è ancora possibile spingersi a fare delle previsioni o dei pronostici a circa due mesi di distanza. Questa prima parte della stagione è stata decisamente sorprendente e ricca di colpi di scena con cadute talvolta compromettenti. I piloti più in forma, tuttavia, sono Romain Febvre (FRA-Yamaha Factory Racing Yamalube), Maximilian Nagl (GER-Red Bull IceOne Husqvarna Factory Racing), Antonio Cairoli (ITA-Red Bull KTM Factory Racing) e Gautier Paulin (FRA-Team HRC-Honda), tutti vincitori di almeno una prova quest’anno, ma la classifica di fine giugno vede spiccare nei top ten anche Evgeny Bobryshev (RUS-Team HRC-HON), Clement Desalle (BEL-Rockstar Energy Suzuki World MXGP), Shaun Simpson (GBR-Hitachi Construction Machinery Revo KTM), Jeremy Van Horebeek (BEL-Yamaha Factory Racing Yamalube), Todd Waters (AUS-Red Bull IceOne Husqvarna Factory Racing), Glenn Coldenhoff (NED-Rockstar Energy Suzuki Europe). Tredicesima, a fine giugno, la posizione di David Philippaerts (ITA-DP19 Racing Yamaha) e 21ma quella di Davide Guarneri (ITA-TM Racing Factory Team), che ha all’attivo solo quattro prove a causa di una caduta durante la prima manche del GP d’Europa a Valkenswaard, a fine aprile. Importante per gli appassionati potrebbe rivelarsi la prova italiana, per vedere nuovamente in sella l’asso americano Ryan Villopoto che, purtroppo, è stato fermato da una caduta in occasione del GP del Trentino e non ancora tornato a correre nel mondiale. Schermata 2015-07-04 a 12.12.06 PM
Nel mondiale della classe MX2 al comando della graduatoria provvisoria, al momento, è Jeffrey Herlings (NED-Red Bull KTM Factory Racing), ma ha già accumulato uno zero a causa dell’infortunio a una clavicola nel GP di Germania. Alle spalle dell’olandese iridato in carica c’è uno scatenato Tim Gajser (SLO-Honda Gariboldi) che sta risalendo velocemente, controllato dallo svizzero Valentin Guillod (SUI-Standing Construct Yamaha Yamalube) che in classifica ha un solo punto in meno. Nei migliori dieci che figurano prima del GP di Svezia, anche Pauls Jonass (LAT-Red Bull KTM Factory Racing), Jordi Tixier (FRA-Monster Energy Kawasaki MX2 Racing Team), Jeremy Seewer (SUI-Rockstar Energy Suzuki Europe), Aleksandr Tonkov (RUS-Wilvo Nestaan Husqvarna Factory Racing), Max Anstie (GBR-Monster Energy DRT Kawasaki), Julien Lieber (BEL-Standing Construct Yamaha Yamalube), Dylan Ferrandis (FRA-Monster Energy Kawasaki MX2 Racing Team). Il marchigiano Ivo Monticelli (ITA-Marchetti Racing Team KTM) è il primo degli italiani e si trova al 18° posto.
Il Circuito Internazionale "Città di Mantova" Il Circuito Internazionale "Città di Mantova" si estende su una superficie di 11 ettari di terreno, tutto delimitato, collocato nel Parco Naturale del Mincio. Il suo fondo, prevalentemente sabbioso e con salti spettacolari, ne fa una pista altamente tecnica e scenografica. Grazie alla sua conformazione naturale, un'arena di terra e sabbia, consente al pubblico, in qualsiasi punto si trovi, di scorgerlo quasi per intero. Queste le caratteristiche tecniche del circuito: sviluppo complessivo 1.950 mt; preallineamento per 42 piloti; griglia di partenza per 40 moto con prima curva a 90 gradi; area meccanici 600mq con area di lavaggio per 42 moto; paddock A 30.000 mq di cui 7.000 asfaltati; paddock B 10.000 mq asfaltati; paddock C 3.000 mq; area camping 20.000 mq; area parcheggio pubblico 60.000 mq; strutture fisse quali sala stampa, sala giuria, segreteria, sala cronometristi, postazioni speaker, bar, infermeria, sala riunioni, 30 bagni, 8 docce, 20 linee telefoniche, adsl e wifi. Come raggiungere il Circuito Internazionale "Città di Mantova" (Viale Learco Guerra 46100 Mantova) Attraverso l’autostrada Brennero-Modena con uscita Mantova Nord, quindi direzione Centro-Stadio. Di fronte allo stadio, al passaggio a livello svoltare a sinistra, quindi prendere la seconda strada a sinistra dopo il passaggio a livello. Superato il campo sportivo e il campo di rugby si trova la pista mantovana.