Brevidistanze, il progetto artistico dei gemelli Mangione mette al centro le sensazioni di Pennac

Schermata 2018-03-02 a 2.19.03 PM

Energie artistiche associate dalla vicinanza di idee e progettualità: sono queste le caratteristiche che contraddistinguono Brevidistanze, progetto che i fratelli artisti Andrea e Marco Mangione portano avanti dal 2006. La passione smisurata per il disegno uno, quella per il muralismo l’altro, in Brevidistanze lavorano fianco a fianco condividendo il desiderio di coabitare uno spazio espositivo e formulare un luogo unico per la rappresentazione di visioni multiple.

Come quelle legate alle atmosfere dei libri di Daniel Pennac, a Catania con la fumettista Florence Cestac per presentare al teatro Sangiorgi – martedì 6 marzo alle 21 - l’adattamento teatrale del fumetto Un amore esemplare e ospite al Four Points by Sheraton per un aperitivo semi sobrio dal titolo Monsieur Malaussène c’est moi, in programma per lunedì 5 marzo alle 19.
Sarà in quell’occasione – voluta dalla Fondazione Oelle e realizzata in stretta collaborazione con Zo Centro Culture Contemporanee e spazio Ritmo - che il pubblico catanese potrà assistere alla performance dei due fratelli, che negli spazi della Fon Art Gallery si esibiranno in un wall painting ispirato alle atmosfere di Pennac. «Stiamo cercando di mantenere tutto su un piano astratto – spiegano i due artisti – il che significa che molto probabilmente non ci sarà la rappresentazione figurativa dei personaggi dei libri, ma un’atmosfera generale che li ricorda. Le sue storie – chiariscono - non sempre raccontano spazi e situazioni precise, ma si concentrano più sul modo in cui scrive le cose, il tipo di storia che racconta, e non è così immediato rappresentarli».
«La live action di Andrea e Marco Mangione – commenta
Carmelo Nicosia, direttore della Fondazione Oelle - rappresenta la prima performance dal vivo organizzata dalla nostra Fondazione per riflettere sul rapporto tra artisti e territori culturali. Una delle mission della Fondazione, infatti, è quella di favorire nuovi linguaggi espressivi contaminati da varie discipline artistiche. E, in questo caso, il segno si relazionerà con il testo letterario in una sorta di euforia percettiva».

€ 18 per persona
info e prenotazioni:
segreteria@fondazioneoelle.com
T. 095 2282011 - www.fondazioneoelle.com

locandina


daniel pennac e florence cestac